Home Alessandro Epilessia, cosa può fare l’olio di Cbd?

Epilessia, cosa può fare l’olio di Cbd?

epilessia
Convulsioni non provocate, generalmente accompagnate da perdita di conoscenza. L’epilessia si manifesta sotto forma di attacchi, a qualsiasi età e per ragioni differenti. Ma l’olio di canapa e il Cbd possono portare dei benefici per l’epilessia?

Gli attacchi non sono preventivati o preventivabili, sono improvvisi. Possono variare a seconda del tipo, dell’età delle persone colpite. Per questo i sintomi degli attacchi epilettici variano da caso a caso. Ecco i principali.

I sintomi della malattia

Prima di vedere se olio di canapa e Cbd possono avere un effetto positivo sulla cura o prevenzione degli attacchi epilettici, ecco quali sono i principali sintomi che precedono un attacco. Solitamente il paziente percepisce un sensazione di caldo o freddo diffuso nel corpo. Un primo campanello d’allarme che non deve essere sottovalutato. Specie se si è soggetti a questo tipo di attacchi. Altri sintomi possono riguardare la tachicardia, la perdita di coscienza e anche di consapevolezza. Con comportamenti definiti strani.

Le cause

Non solo sintomi, però. Quando si parla di epilessia, infatti, è opportuno anche considerare quelli che potrebbero essere le cause. I fattori scatenanti sin dall’infanzia. Di certo hanno una rilevanza non secondaria eventuali malformazioni al cervello alla nascita o malattie congenite che prevedano attacchi di tipo epilettico. In età più avanzata, o comunque non dalla nascita, sono traumi cranici o vari tipi di infezioni ad avere un peso specifico importante. In età adulta, invece, sono lesioni craniche, l’Alzheimer e ictus i responsabili di attacchi epilettici.

Cure tradizionali e controindicazioni

Allo stato attuale la scienza non ha fatto passi da gigante per la cura dell’epilessia. L’unica soluzione “tradizionale” per curare la malattia è quella di limitarla. Come? Con farmaci anti-convulsivanti che riducono – non annullano – la frequenza degli attacchi. Questo significa che, a fronte della mancanza di una cura definitiva, il paziente è costretto ad assumere vita natural durante i farmaci. Andando incontro a degli effetti indesiderati, dovuti alla frequenza di assunzione. Tra le principali controindicazioni ci sono frequenti capogiri, affaticamento, vomito e nausea. Ma anche depressione e mancanza di appetito.

Epilessia e olio di cbd

E l’olio di canapa, con la sua concentrazione in Cbd, può avere una rilevanza nella cura dell’epilessia. La risposta, anche in questo caso, è no. La certezza, però, è che può ridurre e controllare le crisi dei pazienti affetti. Il cannabidiolo, infatti, è un anti-convulsivante e anti-psicotico in grado di placare gli effetti della malattia. Uno studio molto importante è quello effettuato alla Ohio State University College of Medicine di Columbus su 225 giovani pazienti. I risultati sono sorprendenti: con la somministrazione dell’olio di canapa per l’epilessia, gli attacchi riducono la propria incidenza del 50%. Studi importanti sono stati fatti anche all’Università dell’Alabama a Birmingham. Una ricerca su 132 pazienti, 72 bambini e 60 adulti, studiati per 48 settimane. La riduzione degli attacchi con il Cbd rispetto all’utilizzo degli anti-convulsivanti classici è stato sorprendente.

Riferimenti bibliografici

Szaflarski, Devinsky, Cannabinoids and Epilepsy, 2017