Home Notizie Le droghe leggere all’estero: come funziona?

Le droghe leggere all’estero: come funziona?

Legality_of_cannabis_for_medical_purposes-1080x625
Si fa un gran parlare di legalizzazione di droghe leggere, ma vi siete mai chiesti come funziona all’estero? Dove è concesso, dove è tollerato, e dove vietato fare uso libero di cannabis?

Come si sa in Italia è depenalizzato e concesso per uso terapeutico, vediamo qui di seguito quali sono le leggi che regolano il consumo di droghe leggere all’estero, in Europa e, più in generale, nel resto del mondo.

Droghe leggere all’estero

Il primo stato mondiale in assoluto che ha avuto il coraggio di legalizzare il consumo di Cannabis è stato l’Uruguay. Ogni cittadino può coltivare piantine di marijuana per uso personale, fino ad un massimo di sei unità, per il consumo personale ma anche per quello condiviso con altre persone. Non solo: è possibile conservare fino a 480 grammi di marijuana dal raccolto dell’anno precedente e, se maggiorenni, acquistare cannabis in farmacia. Anche per gli Stati Uniti vale un discorso simile, ma la situazione, in realtà, varia da stato a stato. Ci sono stati federali come il Tennessee e l’Oklahoma in cui c’è tolleranza zero, mentre altri, come ad esempio l’Alaska dove l’utilizzo è concesso per cure terapeutiche e per uso personale è prevista depenalizzazione del reato. Ancora, in altri stati come Montana, Florida e North Dakota la marijuana è coltivabile per uso terapeutico, mentre in Colorado e nello stato di Washington è utilizzabile per scopo ricreativo. La più liberale è infine la California, dove le droghe leggere hanno lo stesso statuto degli alcolici.

Legali o illegali

In Canada le droghe leggere sono state legalizzate per uso ricreativo da poco, mentre in Olanda è tollerato l’utilizzo nei coffe shop ed è concesso detenere fino a 5 grammi di marijuana per uso personale. L’Uruguay è stato il secondo stato a legalizzare per uso ricreativo l’utilizzo delle droghe leggere all’estero, mentre, tornando all’Europa, in Spagna non è legale, sebbene sia depenalizzata in alcuni club dove si può condividere – ma non vendere né acquistare – per uso ricreativo.

Negli altri Stati

Le droghe leggere all’estero hanno vita differente. Ecco dunque che in Portogallo il loro utilizzo è depenalizzato (alla pari di quelle pesanti). In Francia il consumo è illegale, mentre in Germania è legale l’uso ma illegale la coltivazione: ciascuna persona può detenere, senza incorrere in problemi con la legge, fino a 10 grammi di stupefacente. Vediamo ora verso Oriente: in Giappone le droghe leggere e in generale tutte le sostanze contenenti Thc sono severamente vietate, mentre in Corea del Nord la marijuana è legale e non è considerata nemmeno una droga. Infine in Australia il suo utilizzo è depenalizzato e legale per uso terapeutico.